Limbo grigio

Prezzi e condizioni

Tutti i nostri gatti hanno un'ottima genealogia perchè vengono da linee di sangue importanti nel mondo. La nostra gestione è esclusivamente casalinga (no gabbie, no box, solo gatti a stretto contatto con la nostra famiglia). Per noi è importante fare una certa selezione per la razza quindi oltre alla socializzazione, garantiamo anche bellezza e, aspetto più importante, la salute! Il prezzo di un cucciolo non sarà inferiore ad Euro 1.500,00 e comprende:

  • Sverminazione

  • Vaccinazioni

  • Test feci

  • Sterilizzazione

  • Certificato di buona salute

  • Microchip

  • Test genetici dei genitori per malattie tipiche della razza  (pk def, pra-b)

  • Ecocardiogramma HCM dei genitori

  • Test Fiv/Felv dei genitori

  • Pedigree 

  • Contratto di cessione

  • Dieta di mantenimento redatta dal nostro veterinario nutrizionista Dr. Valerio Guiggi

  • La nostra assistenza per sempre!

PER PRENOTARE UN CUCCIOLO E' NECESSARIO:

  1. Compilare il Questionario  sotto indicato.

  2. Effettuare un bonifico di acconto pari al 30% dell'importo totale.

  3. Sottoscrivere il contratto di cessione sotto indicato.

Il cucciolo sarà consegnato non prima dell'età di quattro mesi, senza eccezioni.

 

Contratto di cessione

Contratto visionato da un Avvocato e da sottoscrivere alla prenotazione del cucciolo.

Limbo grigio

Questionario per entrare in lista d'attesa

Per essere inseriti in lista d'attesa, sarebbe gradita la cortese trasmissione del seguente questionario  compilato. Le risposte di questo questionario ci permettono di avere informazioni pertinenti come  potenziale proprietario di uno dei nostri cuccioli.

Come hai saputo di Wildvalley Bengals?
Sei d'accordo sul fatto che al tuo bengala non debba mai essere permesso di vagare liberamente all'esterno e che gli fornirai solo un accesso sicuro (guinzaglio, giardino recintato con reti, catrun)?
Hai letto tutte le informazioni sulla razza presenti nel nostro sito (alimentazione, inserimento, prezzi e condizioni)? Di quale colore vorresti il cucciolo?

Il tuo modulo è stato inviato!

texture trasparente

La famiglia che riteniamo adeguata

Ora vorrei parlare di quali aspetti per noi sarebbero importanti che venissero rispettati dalla famiglia che si prenderà cura del nostro cucciolo.

Immagino abbiate già sentito dire che il bengala è una razza molto vivace e curiosa e, per questo aspetto "selvatico" del suo carattere, soffre parecchio se lasciato per diverse ore da solo. Questa solitudine potrebbe causargli uno stress tale da avere dei problemi di salute non irrilevanti. Saremmo quindi più tranquilli nel sapere che il nostro cucciolo avrà un compagno di giochi (gatto o cane) per condividere le sue energie e potersi sfogare anche quando la famiglia non è a casa.

Un altro aspetto non meno importante è la sua sicurezza. Ora vorrei fare una piccola premessa. I gatti in generale sono animali molto curiosi, ma ci terrei a precisare che il bengala ha delle caratteristiche selvatiche che fanno parte del suo carattere e che ha ereditato proprio dal suo antenato Asian Leopard Cat. Abbiamo parlato prima della sua estrema energia, un altro esempio può essere il fatto che il bengala sia costantemente attirato dall'acqua o il "raspare" sul pavimento  vicino alla ciotola del cibo dopo aver mangiato: in natura questo atteggiamento ha lo scopo di coprire il proprio odore per evitare di attirare altri animali che potrebbero prenderlo di mira come sua preda. Inutile poi aggiungere che il bengala è un cacciatore di quelli che i serial killer gli fanno un baffo!

Perchè il mondo esterno non è un luogo sicuro?

  • Il bengala è una razza molto costosa e oramai conosciuta, i furti stanno diventando sempre più frequenti.

  • E' triste ammetterlo, ma la verità è che i gatti randagi potrebbero avere qualche malattia grave o meno grave (come la fiv, la felv o una banale infezione) ed attaccarla al nostro cucciolo. Il contagio può avvenire in maniera anche banale, tramite saliva, feci, morsi, graffi, pulci.

  • Il mondo esterno è pieno di pericoli e non mi riferisco solo alle automobili che circolano in strada, ma anche agli altri animali che il cucciolo potrebbe incontrare sul suo percorso (cani slegati o animali selvatici dei quali il gatto è una preda). Non dimentichiamoci che il mondo è pieno di persone materialiste e senza scrupoli che fanno del male agli animali  (un esempio sono i bocconi avvelenati che spargono di solito i vicini di casa perchè infastiditi dal gatto che gioca nel loro giardino).

  • I gatti che frequentano autonomamente il mondo esterno rappresentano un'importante minaccia per numerose specie selvatiche. Negli Stati Uniti, si stima che questi piccoli felini uccidano ogni anno da 1,4 a 3,7 miliardi di uccelli, da tra 6,9 e 20,7 miliardi di piccoli mammiferi, rendendo urgente una politica di gestione del randagismo che riduca questo impatto ecologico. Il gatto è domestico come lo è un cane e non ha bisogno di cacciare per sopravvivere, è sotto la nostra responsabilità e non trovo corretto permettere l'uccisione di altri animaletti selvatici solo per il divertimento del gatto o cane che sia a discapito della fauna del nostro ecosistema.

 

Capite quindi che è meglio un gatto vivo che non conosce cosa c'è fuori, piuttosto che  renderlo felice per cinque minuti ma con il rischio che un giorno potresti non vederlo mai più, quindi questo lo chiediamo proprio per favore, è  assolutamente necessario che il cucciolo viva una vita in assoluta sicurezza. E' sufficiente avere balconi e giardino con delle reti adeguate fino alla totale altezza (io personalmente le consiglio in acciaio).

Troppe volte è capitato che il gatto sul balcone si distraesse vedendo, ad esempio, un uccellino  e che il suo istinto di caccia abbia preso il sopravvento facendogli dimenticare di dove sia in quel preciso istante ma concentrandosi esclusivamente sulla sua preda: purtroppo è proprio così che molti gatti sono caduti dal balcone, rimanendo in fin di vita (se sono fortunati), perchè non esiste gatto che perda equilibrio o si butti, esiste solo un'istinto predatorio che domina su tutto il resto. 

E come abituare un gatto a restare in casa senza che ci richieda continuamente di voler uscire all'esterno?

Il gatto è un animale territoriale, ma abitudinario, non gradisce i cambiamenti quindi se lo si abitua a non uscire fin da cucciolo, il gioco è fatto! E' sufficiente creargli delle aree giochi in cui il gatto si possa sfogare e divertire, così da non avere lo stimolo di cercare il divertimento altrove. Se poi il gatto avesse un compagno di giochi, sarebbe tutto ancora più semplice. Possono essere d'aiuto i tiragraffi alti, percorsi a parete, ruote e giochini vari come palline e cannette con le piume. Chi ha il giardino potrebbe creare un catrun collegato a casa simile al nostro con dei tronchi su cui arrampicarsi, così da poter giocare anche all'aria aperta, ma senza correre rischi. Se il gatto non ha un carattere timido, potete anche abituarlo, pian piano, ad uscire con voi al guinzaglio in qualche luogo di suo gradimento (solitamente  in natura come sentieri di campagna, boschi, laghi, spiagge, ...), ma portatevi sempre un trasportino con voi in caso incontriate dei cani slegati. Insomma, ci sono molte alternative per rendere la casa un luogo sicuro e spassoso per il vostro cucciolo e vedrete che non sentirà affatto il bisogno di uscire. 

Ultimo fattore che riteniamo altrettanto importante per il benessere del cucciolo è l'alimentazione. Non dimentichiamoci che il  gatto è un animale carnivoro e necessita di mangiare carne. E' sufficiente pensare ad un gatto in natura cosa e come mangerebbe. Nella sezione La nostra alimentazione abbiamo un po' riassunto come è la dieta a base di carne cruda che seguiamo (e che a nostro avviso riteniamo la più adeguata). Ovviamente esistono anche delle alternative, ma devo ammettere che relativamente all'alimetazione ognuno ha la sua filosofia, non sono mai d'accordo tra loro nemmeno i veterinari nutrizionisti. L'unica precisazione che posso fare in merito è che, basandomi sulla nostra esperienza e su quella di altri colleghi allevatori, per questa razza si è notata un'enorme differenza sulla salute dei bengala alimentati con cibo industriale (scatolette e crocchette) e quelli alimentati con cibo naturale (carne cruda o cucinata). Il bengala presenta un intestino molto delicato e seguire una dieta naturale è sicuramente il meglio che si possa offrire al proprio cucciolo!

Concluderei dicendo che la questione che riteniamo sempre la più importante è quella di poter rimanere sempre in buoni rapporti con la famiglia ed essere costantemente informati sulla vostra vita insieme!